fbpx
Curcuma sopra dei cucchiai di legno
Foto: Pexels.com

Curcuma: 6 Proprietà Benefiche e Valori Nutrizionali

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Indice

Dopo aver parlato dei benefici dei piselli e del topinambur, oggi scopriamo la curcuma, parlando delle sue proprietà e dei valori nutrizionali.

La curcuma è una spezia utilizzata da secoli per le sue innumerevoli capacità benefiche. È al centro di molti studi che puntano a conoscere sempre meglio le sue proprietà, in particolare quelle della curcumina, un elemento naturale contenuto nella curcuma. Sul corpo agisce da antinfiammatorio, antiossidante e antitumorale.

Che cos’è la curcuma?

La curcuma è una pianta che appartiene alla famiglia delle Zingiberaceae, che comprende un totale di 90 specie. Questa pianta dalle lunghe foglie lanceolate e dai fiori bianco-rosati viene coltivata in Africa, in diverse regioni dell’Asia, ma sopratutto lungo tutto il territorio indiano.

Grazie alle sue proprietà coloranti, la polvere di curcuma viene utilizzata come colorante per i tessuti o per gli alimenti come curry, senape e formaggio. Ciò è dovuto alla polvere ottenuta dal suo rizoma, ovvero la parte del fusto simile ad una radice che cresce sottoterra.

Una radice di curcuma
Foto: Pixabay.com

Quando si dice curcuma s’intende normalmente Curcuma longa, anche se esistono numerose altre specie attribuite al genere botanico Curcuma.

La spezia più comunemente usata è la specie di curcuma indiana: la Curcuma longa. Conosciuta anche come “zafferano delle indie”: il suo nome deriva dal sanscrito “Kum-kuma”, che è l’ingrediente principale del curry indiano. In inglese, invece, è chiamata turmeric.

Valori nutrizionali della curcuma

Ogni 100 grammi, la spezia curcuma longa apporta al nostro organismo 353 calorie e contiene:

Nutrienti principali (g)Minerali (mg)Vitamine (mg)Lipidi (g)
Acqua 12,85Calcio 168Vitamina C 0,7Grassi Saturi 1,838
Proteine 9,68Ferro 55Vitamina K 13,4
(Fillocchinone)
Grassi Monoinsaturi 0,449
Grassi 3,25Magnesio 208Vitamina E 4,43
(alfa-tocoferolo)
Grassi Polinsaturi 0,756
Ceneri 7,08Fosforo 299Vitamina B1 0,058Colesterolo 0 (mg)
Carboidrati 67,14Potassio 2080Vitamina B2 0,15
Fibre 22,7Rame 1,3Vitamina B3 1,35
Sodio 27Vitamina B6 0,107
Zinco 4,5Folati totali 20 (µg)
Manganese 19,8Colina totale 49,2 (µg)
Selenio 6,2Betaina 9,7
Tabella dei valori nutrizionali

Proprietà benefiche della curcuma

Diversi studi hanno dimostrato come la curcuma sia ideale per il benessere del corpo e della mente. Inserirla nella propria dieta può essere una scelta salutare per il nostro organismo.

In India, questa spezia è stata utilizzata come erba medicinale per tanti anni. Grazie alla scienza è stato possibile studiarla più nel dettaglio e conoscere meglio i suoi benefici.

Questo alimento presenta composti chimici con ottime capacità antinfiammatorie ed antiossidanti. Il composto più importante è la curcumina, uno dei curcuminoidi presenti nella curcuma. Nonostante sia l’elemento maggiormente attivo che possiamo trovare in questa spezia, il suo contenuto non è così elevato: solamente il 3%.

La dose consigliata di curcumina da assumere quotidianamente è di circa 1 g. Dato che sarebbe molto difficile raggiungere tale quantità semplicemente utilizzando la spezia, esistono integratori contenenti un buon quantitativo di curcumina.

Un altro inconveniente è che questo composto viene assorbito difficilmente dal flusso sanguigno. Per ovviare a questo problema, alcuni integratori di curcumina contengono anche peperina, una sostanza naturale presente nel pepe nero, che aumenta la capacità di assorbimento della curcumina da parte del nostro corpo del 2000%.

Una ciotola con un cucchiaio e della curcuma
Foto: Pixabay.com

Proprietà antinfiammatorie

Le proprietà antinfiammatorie di questa spezia sono così potenti da essere paragonate a quelle dei farmaci antinfiammatori, senza però avere tutte le loro controindicazioni. L’infiammazione cronica contribuisce allo sviluppo di molte malattie comuni occidentali. La curcumina può sopprimere molte molecole note per lo svolgimento di ruoli importanti nello sviluppo delle infiammazioni.

Nel caso dell’artrite, in uno studio è stato dimostrato che la curcumina sia in grado di combatterla, alleviando i sintomi di questa malattia e mostrando un’efficacia superiore a quella dei farmaci antinfiammatori.

Proprietà antiossidanti

I radicali liberi sono coinvolti nei processi d’invecchiamento e la presenza di antiossidanti, in questa spezia, contrasta la comparsa di queste molecole, proteggendo il nostro corpo.

Anche in questo caso, la curcuma deve le sue proprietà antiossidanti alla curcumina: oltre ad agire da antiossidante contrastando la comparsa dei radicali liberi, favorisce l’attività degli enzimi antiossidanti.

Proprietà antidepressive

Uno studio controllato ha testato la capacità antidepressiva della curcumina su un campione di 60 persone: sono stati formati tre gruppi randomizzati in cui un gruppo assumeva solo Prozac, un secondo gruppo solo curcumina mentre l’ultimo sia curcumina che Prozac.

Il risultato ottenuto dopo 6 settimane fu che chi aveva assunto solo curcumina ebbe miglioramenti simili a chi aveva assunto solo Prozac, mentre il gruppo che aveva assunto sia curcumina che Prozac fu quello con i risultati migliori. Nonostante fosse un numero di persone molto ridotto, questo studio volle affermare le proprietà antidepressive della curcumina.

Proprietà anticancro

La curcumina è stata al centro di diversi studi mirati al trattamento del cancro, grazie alle sue capacità di combattere le cellule tumorali, scegliendo selettivamente le cellule malate favorendone la morte.

La curcuma non solo combatte queste cellule, uno studio ha evidenziato come ne prevengano anche la comparsa, in particolar modo sfavorisce i tumori che colpiscono il tratto digestivo.

La ricerca sulla curcumina continua e l’idea che la curcuma possa essere utilizzata in futuro nel trattamento per il cancro non è così impensabile.

Benefici per il cuore

Anche il cuore riceve benefici dall’assunzione di curcuma in quanto riduce la probabilità di malattie cardiache. Oltre a prevenire gli infarti, favorisce la circolazione del sangue e regolarizza il colesterolo.

L’American Journal of Cardiology ha evidenziato in uno studio le capacità benefiche della curcuma a livello cardiologico.

Benefici per il cervello

La curcuma aiuta anche il cervello, favorendo le connessioni neurali e proteggendoci da malattie cerebrali. Inoltre, potrebbe essere in grado di migliorare la memoria e rendere addirittura più intelligenti, ma occorrono maggiori studi per confermarlo.

Curcuma in polvere e intera
Foto: Pixabay.com

Controindicazioni

Assumere curcuma è generalmente sicuro e può essere assunta in sicurezza senza rischiare di avere effetti collaterali. Tuttavia, nel caso in cui si faccia uso di integratori è consigliabile rispettare le dosi indicate dal medico per non rischiare di avere nausea o diarrea.

Mentre in presenza di particolari patologie come problemi alla cistifellea o legati alla coagulazione del sangue è sconsigliato l’utilizzo di questa spezia.

tag post:
Condividi su facebook
CONDIVIDI
Iscriviti alla Newsletter
Non preoccuparti, anche noi odiamo lo spam.
© 2020 | Greender.it