fbpx
Leonardo DiCaprio tiene un discorso sul cambiamento climatico alle Nazioni Unite sul cambiamento climatico
Leonardo diCaprio si schiera in prima line nella lotta contro il cambiamento climatico

Leonardo DiCaprio: tra Cinema e Cambiamento Climatico

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Indice

Non gli bastava essere un attore e produttore cinematografico di successo: Leonardo DiCaprio è conosciuto a livello globale per essere (anche e soprattutto) un impegnatissimo attivista ambientale.

Dopo aver ottenuto il successo internazionale con Titanic, nel 1998 ha fondato la Leonardo DiCaprio Foundation, organizzazione senza scopo di lucro dedicata alla promozione della consapevolezza ambientale. Sin dai suoi esordi cinematografici, l’attore statunitense ha dimostrato come sia facile – e funzionale – utilizzare la propria visibilità pubblica per sensibilizzare il pubblico, diffondendo tematiche ambientali e incoraggiando altri a seguire il suo esempio.

Con l’aiuto della sua fondazione, DiCaprio ha organizzato eventi e creato fondi per aiutare l’ambiente e gli animali in via d’estinzione: nel 2010 ha donato un milione di dollari al WWF per salvare le tigri – e nel 2013 i milioni donati sono stati tre. Nel 2014 grazie ad una raccolta fondi ha raccolto 25 milioni per la salvaguardia di oceani e foreste; nel 2016 invece ha stanziato 15,6 milioni per la lotta ai cambiamenti climatici. E potremmo continuare.

Il profilo Instagram di Leo è interamente dedicato alla denuncia sociale e alla lotta ai cambiamenti climatici. Diversamente dalle altre star hollywoodiane, non ci sono foto di sé: una delle poche è questa, che lo ritrae assieme a Greta Thunberg, giovanissima attivista svedese.

Nel 2019 ha partecipato alla fondazione di una nuova organizzazione filantropica: la Earth Alliance. Assieme a Leonardo DiCaprio – che coinvolge direttamente la sua fondazione – ci sono altri miliardari filantropi, come Laurene Powell Jobs (vedova del più noto Steve) e Brian Sheth, presidente di Vista Equity Partners. In questo modo, la sua fitta rete di conoscenze si è allargata notevolmente: la Earth Alliance è la dimostrazione di come i miliardari ed investitori della Silicon Valley siano influenti e capaci di contribuire sensibilmente alle questioni ambientali e climatiche.

Questa nuova “alleanza” inizia subito ad agire, donando 5 milioni di dollari per salvare la Foresta Amazzonica devastata dagli incendi. Nel gennaio 2020, sempre grazie a questa fondazione, vengono donati 3 milioni di dollari per combattere gli incendi in Australia. Con ogni probabilità, il loro contributo è stato fondamentale.

Grazie al suo attivismo, DiCaprio è un ambasciatore di pace ONU per i cambiamenti climatici

DiCaprio è attivo per l’ambiente non solo in prima persona – tramite viaggi, campagne e discorsi motivazionali – e attraverso le sue fondazioni, ma anche e soprattutto sfruttando il mezzo che meglio conosce, il cinema. Egli ha prodotto, interpretato e narrato numerosi documentari a sfondo ambientalista. Questi documentari sono stati visti in tutto il mondo, poiché si sono serviti dell’immagine popolare del DiCaprio attore: gli altri documentari di denuncia non hanno ottenuto la stessa visibilità né hanno suscitato gli stessi dibattiti.

Nel 2007 è uscito The 11th Hour – L’undicesima ora, a cui segue nel 2010 (e a cui partecipa come voce narrante) Hubble 3D. Il più noto è certamente Punto di non ritorno – Before the Flood, distribuito nel 2016 con la collaborazione di National Geographic. Infine, nel 2019, escono Ice on Fire e And We Go Green.

Il più conosciuto è certamente Before The Flood (Punto di non ritorno), ma particolarmente interessante è anche Ice on Fire, presentato a Cannes, che si concentra sugli effetti nocivi legati all’utilizzo del carbone. Meno noto è il documentario prodotto da DiCaprio nel 2015: Cowspiracy: il film svela gli orribili segreti che si celano dietro l’industria dell’allevamento, un argomento di cui si parla sempre di più perché legato indissolubilmente ai cambiamenti climatici. Non bisogna sottovalutare quanto sia difficile parlare di questi argomenti spinosi, poiché le lobby che si nascondono – neanche troppo bene – dietro questo impero non gradiscono la denuncia: DiCaprio, proprio grazie alla sua popolarità (e intoccabilità) riesce benissimo nell’impresa.

Uno dei momenti più alti di questa sistematica opera di denuncia è stato l’indimenticabile – e davvero molto atteso – l’Oscar vinto come attore protagonista per il film Revenant. Salendo sul palco degli Academy, DiCaprio non si è fatto sfuggire l’occasione per parlare dei temi a lui cari, approfittando dell’alta risonanza del momento:

Girare The Revenant è stato occuparsi della relazione tra l’uomo e il mondo naturale. Un mondo che abbiamo collettivamente percepito, nel 2015, come l’anno più caldo di sempre. La nostra produzione ha avuto bisogno di spostarsi fino alla punta più meridionale di questo pianeta solo per trovare la neve. I cambiamenti climatici sono reali, stanno accadendo in questo momento. È il pericolo più grave che la nostra intera specie si trova ad affrontare, e dobbiamo lavorare insieme e smettere di procrastinare.

Leonardo DiCaprio

Cinema, raccolte fondi e discorsi motivazionali: ora anche la pubblicità

Infine, lo scorso marzo DiCaprio è stato scelto come testimonial della nuova Fiat 500 elettrica. Negli spot troviamo tutti i temi cari all’attore e la sua voce accompagna immagini legate al pianeta e alla natura: si tratta, senza dubbio, di un’iniziativa commerciale – la pubblicità è stata certamente ottimale alla casa automobilistica italiana – ma Leo ha scelto questo prodotto per sollevare, ancora una volta, il dibattito: insomma, ha cercato (e probabilmente ottenuto) il giusto compromesso.

Questo dimostra come, da attivista, DiCaprio non rinuncia a nessun mezzo per far passare il più possibile il suo messaggio, anche quando si tratta di uno spot commerciale.

DiCaprio: quando etica e passione incontrano la filantropia

Insomma, DiCaprio è una star hollywoodiana certamente atipica. Non ha bisogno di attirare costantemente l’attenzione su di sé come attore – poiché la sua fama è ben consolidata – e, a differenza di molti altri, ha dedicato la sua vita a qualcosa di più grande: la lotta ai Cambiamenti Climatici. Non è un argomento da poco, vista la scarsa risonanza che aveva negli anni passati: gli scienziati avevano avvertito il mondo già nello scorso secolo riguardo ciò a cui stavamo andando incontro, ma nessuno li aveva ascoltati.

La vita e l’opera di DiCaprio insegnano un’importanze lezione: chiunque sia dotato di una vasta visibilità – e si trova quindi nella posizione privilegiata di poter parlare ed essere ascoltato, senza nessun rischio di censura – dovrebbe contribuire alla sensibilizzazione di temi importanti come la salvaguardia del pianeta e la crisi climatica.

Leonardo DiCaprio stringe la mano al segretario di Stato americano John Kerry alla conferenza "Il nostro oceano"
Leonardo DiCaprio si batte costantemente per la lotta contro i cambiamenti climatici e per la promozione della consapevolezza ambientale

DiCaprio, negli ultimi vent’anni, si è dimostrato essere – oltre un attore bravissimo, vincitore di un Oscar meritato e tanto atteso – un uomo saggio e preoccupato, consapevole di avere a disposizione dei mezzi prioritari per operare una efficace denuncia sociale e perfettamente in grado di usarli. Grazie Leo, da parte nostra e del Pianeta Terra.

tag post:
Condividi su facebook
CONDIVIDI
Iscriviti alla Newsletter
Non preoccuparti, anche noi odiamo lo spam.
© 2020 | Greender.it